La comunità del Giglio è molto piccola e gli abitanti usano i soprannomi delle famiglie che ormai vengono tramandati da generazioni. “Bugia” è il soprannome dell’anziano contadino che si prende cura di alcuni vigneti sull’isola.