Focus sul produttore

Schola Sarmenti

SCHOLA SARMENTI

I vigneti ad alberello. Nelle contrade della campagna salentina, i piedi solcano una terra rossa, avida di sole. Lo sguardo oltrepassa i muretti a secco, minuziose sculture di pietre abbracciate indissolubilmente l’una con l’altra,  fino ad arrivare a perdersi in quelle distese di piccoli alberelli, simbolo di una storia, la vera anima di Schola Sarmenti. Generazioni di “viti” riempiono gli occhi, dalle piante più giovani che ci regalano freschezza e leggerezza, ad esemplari di piante che racchiudono in sé fino a 80 anni di storia. Una scelta importante, quella di Schola Sarmenti: preservare un’antica tecnica di allevamento, quella dell’alberello pugliese. Una tecnica tanto difficile quanto preziosa che ha solo bisogno di mani forti e abili per regalare vini di grande qualità e pregio. Fiano, Negroamaro, Primitivo: questi i nostri vitigni autoctoni, le cui storie si perdono nella notte dei tempi, sincera espressione di una terra amorevole, accarezzata dalla brezza leggera di due mari.

Potrebbero piacerti anche questi?

DICIOTTO SCHOLA SARMENTI

Schola Sarmenti

Bottiglia 75 cl

39,48

Uve raccolte a mano e delicatamente riposte in piccole cassette areate per preservarne l’integrità. In cantina sono poi ulteriormente selezionate su di un moderno tavolo di cernita. 14 mesi in tonneaux nuovi di quercia francese, media tostatura; poi, 12 mesi di ulteriore affinamento in bottiglia. Millimetrica esecuzione del Primitivo. Il naso di vertiginosa profondità, impadronito da inebrianti sentori di frutti rossi viene avvolto da una folata balsamica con intriganti sensazioni tostate e intensi accenti di note speziate. Un velluto aromatico avvolge il palato in un vortice inaspettato di sensazioni. L’elegante armonia riporta gli animi alla realtà, dove tannini vigorosi sanno espandersi con assoluta delicatezza e senza eccessi. Il finale regala un vino prezioso che riconcilia la vita.

Uve raccolte a mano e delicatamente riposte in piccole cassette areate per preservarne l’integrità. In cantina sono poi ulteriormente selezionate su di un moderno tavolo di cernita. 14 mesi in tonneaux nuovi di quercia francese, media tostatura; poi, 12 mesi di ulteriore affinamento in bottiglia. Millimetrica esecuzione del Primitivo. Il naso di vertiginosa profondità, impadronito da inebrianti sentori di frutti rossi viene avvolto da una folata balsamica con intriganti sensazioni tostate e intensi accenti di note speziate. Un velluto aromatico avvolge il palato in un vortice inaspettato di sensazioni. L’elegante armonia riporta gli animi alla realtà, dove tannini vigorosi sanno espandersi con assoluta delicatezza e senza eccessi. Il finale regala un vino prezioso che riconcilia la vita.

Spedizione gratuita per ordini di almeno 85€

Attenzione: anno e grado alcolico, soprattutto nei periodi di cambio annata, potrebbero non corrispondere a quanto riportato nelle informazioni aggiuntive.
TEMPERATURA DI SERVIZIO

ALCOL

ANNO

2019

VITIGNI

PRIMITIVO

DENOMINAZIONE

SALENTO ROSSO IGT

FORMATO

NAZIONE

Italia

PRODUTTORE

REGIONE

Puglia

Potrebbero piacerti anche questi?