MICHELE SATTA

L’Azienda nasce nel 1983, anno precedente alla fondazione della Doc di Bolgheri che la vede, infatti, tra i suoi primi protagonisti. Dopo un primo periodo precario, legato ad affitti frazionati, nel 1987  nasce  il primo nucleo dell’azienda con l’acquisto del miglior terreno disponibile e la costruzione della cantina. Nel 1991 il primo vigneto con la coscienza di voler produrre un vino che potesse essere fedele alla scia tracciata da Sassicaia e Ornellaia, ma anche alla personale visione ed esperienza di vigna. Da qui l’esigenza di affiancare al Cabernet Sauvignon e al Merlot le uve che potessero esprimere ancor meglio il terroir mediterraneo di Bolgheri: Sangiovese e Syrah.
Nasce così Piastraia che con la vendemmia 2012, dopo più di 15 anni dal primo imbottigliamento (la prima etichetta è del 1994), diventa “Bolgheri Superiore”. Questo vino dunque è collocato nella breve ma prestigiosa storia di Bolgheri non solo come un pioniere, ma come una Consapevole identità della denominazione. Oltre a Piastraia ed ai classici Bolgheri, tra cui l’altro Superiore “I Castagni”, cru dell’omonimo vigneto, si decide di produrre dei vini che fossero l’espressione di singoli vitigni: “Cavaliere”, 100% Sangiovese; “Syrah” 100% Syrah e “Giovin Re”, 100% Viognier. Sicuramente controtendenza, Michele Satta si è guadagnato la reputazione di un produttore originale a Bolgheri, ma anche di esploratore. È stato il primo a portare in questa terra Syrah, Teroldego, Viognier, a vinificare Vermentino e Sangiovese in purezza. Nell’azienda, a conduzione familiare con dimensionamento stabile di 23 ettari, si producono attualmente 150.000 bottiglie ottenute tutte da uva di produzione propria.